10Aprile

LA NUOVA CONVIVENZA MORE UXORIO FA DECADERE L’ASSEGNO DIVORZILE - IL PUNTO DELLA CASSAZIONE.

Nuova convivenza more uxorio - Famiglia di fatto. Revoca dell’assegno di mantenimento mediante l’assegno divorzile.

LA NUOVA CONVIVENZA MORE UXORIO FA DECADERE L’ASSEGNO DIVORZILE - IL PUNTO DELLA CASSAZIONE.

Nuova convivenza more uxorio - Famiglia di fatto. Revoca dell’assegno di mantenimento mediante l’assegno divorzile.

Secondo la Cassazione l'instaurazione da parte del coniuge divorziato di una nuova relazione famigliare, ancorché di fatto, ovvero una convivenza more uxorio, fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell'assegno di mantenimento divorzile stabilito in sede di divorzio a carico dell'altro coniuge e ciò a prescindere se questo avvenga nella casa coniugale o meno.

Infatti, la formazione di una famiglia di fatto (convivenza more uxorio) – costituzionalmente tutelata ai sensi dell'art. 2 Cost. come formazione sociale stabile e duratura in cui si svolge la personalità dell'individuo – è espressione di una scelta esistenziale, libera e consapevole, che si caratterizza per l'assunzione piena del rischio di una cessazione del rapporto post coniugale e, quindi, esclude ogni residua solidarietà post-matrimoniale con l'altro coniuge, il quale non può che confidare nell'esonero definitivo da ogni assegno di mantenimento attraverso l’assegno divorzile (Cass. n. 02466/2016).

Sul punto la stessa pronuncia richiama una precedente sentenza su una causa di divorzio (Cass. Civile Sent. Sez. 1 Num. 6855 Anno 2015) che aveva delineato in contorni della famiglia di fatto.

Il caso riguarda la corresponsione di un assegno divorzile periodico, diversamente al caso di riconoscimento di un assegno divorzile una tantum.

Contatta un avvocato divorzista al 3384741345.

 

Significato di nuova convivenza more uxorio ed effetti sul mantenimento.

Il significato della convivenza more uxorio è strettamente legata al concetto di famiglia di fatto.

Secondo la dottrina la famiglia di fatto è quella costituita da persone che, pur non essendo legate tra di loro dal matrimonio, convivono come se fossero coniugati (more uxorio), insieme agli eventuali figli nati dalla loro unione. Da questa unione occorre distinguere le mere convivenze occasionali e le coabitazioni aventi diversa natura, quali ad es. le convivenze tra parenti e amici (Torrente, Manuale di diritto privato, Giuffrè editore).

Per cui affinché si possa parlare di famiglia di fatto non è sufficiente la mera coabitazione, dovendosi fare riferimento ad una situazione sociale di natura affettiva, che abbia i caratteri di una certa stabilità e che si esplichi in una comunanza di vita e di interessi e nella reciproca assistenza morale e materiale (Cass. 08 agosto 2003, n. 11975)

 

L'espressione "famiglia di fatto" non consiste soltanto nel convivere come coniugi (convivenza more uxorio), ma indica prima di tutto una "famiglia", portatrice di valori di stretta solidarietà, di arricchimento e sviluppo della personalità di ogni componente, e di educazione e istruzione dei figli.

In tal senso, si rinviene, seppur indirettamente, nella stessa Carta Costituzionale, una possibile garanzia per la famiglia di fatto, quale formazione sociale in cui si svolge la personalità dell'individuo, ai sensi dell'art. 2 Cost.

 

Ove tale convivenza assuma dunque i connotati di stabilità e continuità, e i conviventi elaborino un progetto ed un modello di vita in comune (analogo a quello che di regola caratterizza la famiglia fondata sul matrimonio) la mera convivenza si trasforma in una vera e propria "famiglia di fatto".

A questo punto viene meno l’obbligo al mantenimento attraverso l’assegno divorzile al coniuge che decide di vivere more uxorio con un nuovo partner.

Si rescinde così ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale e, con ciò, ogni presupposto per la riconoscibilità di un assegno divorzile.

Contatta un avvocato divorzista a Palermo al 3384741345.

 

Scopri di quale tutela gode il convivente tutela possessoria more uxorio all'interno della casa coniugale.

Giuseppe Maniglia - Avvocato divorzista Palermo

Riferimenti: Cassazione n. 6855/2015Art. 2 Costituzione

Posted in Diritto Civile